Il cambiamento

L’arte, in tutte le sue forme, è qualcosa di surreale, di divino, che ci sorprende con la sua forza attrattiva. La musica, il cinema, la pittura, la danza, ed infine la scrittura, essenza vitale di un instancabile amante della arcaica e tradizionale penna. Vorrei soffermarmi su quest’ultima, e decantare della sua bellezza.

La scrittura, ha origini antichissime, nella lontana Roma e nella lontana Grecia, i primi autori, generalmente, filosofi, narravano di storie passate e di miti, di vicende giuridiche e di casi popolari.

Con il passar dei secoli e dei decenni, la scrittura si è plasmata su generi letterari diversi, dal romanticismo al verismo, dal futurismo all’idealismo fino al neorealismo del dopoguerra, tramutandosi, poi, in un genere a sfondo sociale, tipico di Sciascia.

Solo benestanti e quindi intellettuali prima avevano il piacere di accostarsi alla letteratura, forgiando le loro menti con la cultura e la conoscenza.

Oggi un libro è alla portata di tutti basta solo volerlo leggere, essendo cambiato anche il modo di acquistarlo. Non bisogna più recarsi nelle librerie, basta un pc e una carta prepagata e il gioco è fatto.

Sono gli ebook. La rivoluzione digitale che ruota intorno al mondo dell’editoria, tutti ne parlano, ma molti sono ancora legati all’odore della carta stampata, allo sfrigolio delle pagine sfogliate. Tra alcuni lettori, invece, ha preso piede l’idea di abbattere i costi, infatti, se un buon libro, in versione cartacea, costerà all’incirca 15 euro, la sua versione digitale, sarà scaricabile per circa la metà dell’importo. Niente male, non credete ? Sono convinta che sia un buona idea, un binomio perfetto, l’informatica, dunque il digitale, e l’editoria, per stimolare la lettura in chi trascorre inutilmente il suo tempo davanti ad un computer, o peggio ancora a chi è abituato ad avere quei giochi elettronici portabili.

Uno scrittore che ovviamente è anche lettore, ha una visione diametralmente opposta della storia, deve cercare di appassionare, dando forza alla sua passione, facilitato dal calore del manoscritto stampato su carta, rilegato, con copertina e con tanto di segnalibro.

Questo è il prezzo da pagare per la tecnologia che ci avvolge e che ci sorprende quotidianamente. Gli ebook un giorno, in un futuro non molto lontano, saranno la regola, e i libri, quelli che si ammassano sulle scrivanie o si collocano confusamente sugli scaffali, l’eccezione. Vorrei terminare, affermando, quindi, che l’editoria si adatta, necessariamente, al mondo che è in continuo mutamento.

Annunci
Articolo precedente
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: